Dopo la pausa estiva, dopo aver dato sfogo alla nostra voglia di mare e spiaggia, torniamo a concentrarci su quello che è il binomio preferito dell’autunno: divano/serie tv. Ancora questioni molto serie per chi non può fare a meno di vivere la propria vita… a puntate!

Must see

La caccia al seriar killer di turno ha sempre il suo appeal: per questo motivo tra le “serie crime must see” rientra Mindhunter.

La serie televisiva statunitense del 2017 è basata sul libro “Mindhunter: La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano” (Mind Hunter: Inside FBI’s Elite Serial Crime Unit), ed è stata distribuita da Netflix nell’ottobre del 2017.

La storia di Holden Ford, negoziatore frustrato dell’FBI, dell’agente Bill Tench del reparto scienze comportamentali e della professoressa Wendy Carr, che nel 1977  iniziano a studiare una nuova tipologia di assassino, il “serial killer” appunto, e il metodo di indagine quale la “profilazione”. In Mindhunter non succede nulla, un nulla che però riesce a conquistare. La bravura del cast consiste anche in questo, a tenere alta l’attenzione su cosa-poi-non-si-sa. Un po’ come la puntata della mosca di Breaking Bad (10ª puntata della 3ª stagione, Fly), per i seriali attenti.

Al momento le stagioni di Mindhunter sono due, ma nel gennaio 2020 Netflix ha annunciato la produzione di un’eventuale terza stagione che al momento è sospesa a tempo indefinito.

Quel che verrà

Gli amanti del mondo dei videogiochi non hanno bisogno di ulteriori introduzioni: The Witcher è la serie tv che parte proprio da quel mondo per finire in quello seriale, come spesso accade. 

The Witcher": la recensione della serie Netflix con Herny Cavill

La serie televisiva polacco-statunitense è stata distribuita dal 20 dicembre 2019, ancora una volta, sulla piattaforma di streaming Netflix. Creata da Lauren Schmidt Hissrich, la serie è basata sulla Saga di Geralt di Rivia dell’autore polacco Andrzej Sapkowski. Un mondo magico abitato non solo da esseri umani, ma anche da elfi, nani e altre specie. Tra queste mostri pericolosi contrapposti a dei guerrieri mutanti in grado di ucciderli: i witcher. Da qui, il racconto della vita di Geralt di Rivia, un witcher, un mutante con poteri speciali che uccide i mostri per denaro in una terra in uno stato di caos.

Una serie intraprendente e movimentata che riesce a catturare l’attenzione dello spettatore. Purtroppo però le riprese della nuova stagione, iniziate nel marzo scorso, sono state interrotte dopo la positività dell’attore Kristofer Hivju al Covid19. Nonostante le difficoltà, ripartite le riprese il mese scorso, la seconda stagione sarà in streaming nel 2021. Forza, manca poco!

Amarcord

Non posso negare che l’appeal della serie è sempre tanto, immenso. 11 stagioni, a partire dal 2009: Modern Family è una tra le sitcom più brillanti degli ultimi tempi. Una famiglia allargata, e si sa, il topic famiglia è sempre un buon trend da seguire. Molto poco Cesaroni, molto poco Un medico in Famiglia: il concetto di famigli allargata in America è diverso e conquista alla grande senza rendere pesanti alcuni temi.

Caratteristica della sitcom è quella di essere realizzata con la tecnica del falso documentario (come in The Office) e racconta le vicende di una famiglia allargata composta da tre nuclei legati tra loro che non corrisponde ai canoni tradizionali. In poche parole, una famiglia occidentale, in costante cambiamento.

Ogni personaggio è brillante e non ci sono molte parole per descrivere la bellezza di Mitchell e Cam. Nella mia top ten, sempre.

Flop

Ma ci hanno anche pensato prima di metterla in streaming? Bocciata, assolutamente. La serie spagnola Alta Mar si propone come un giallo romantico, l’avventura di due sorelle su di un transatlantico. Ambientata negli anni ’40, Carolina ed Eva partono dalla Spagna a bordo di un transatlantico diretto a Rio de Janeiro, alla ricerca di una vita migliore.

Alto mare – Season 2” Review⚓

Un misterioso omicidio di un passeggero diventa il cruciverba dei passeggeri e tra finti colpi di scena, finali improponibili e una pessima recitazione passano così, per 8 lunghi episodi. Lanciata nel 2019, la serie è stata creata da Ramón Campos e Gema R. Neira e diretta da Carlos Sedes insieme a Lino Escalera.

Se non avete niente di meglio da fare…

Personaggio Pop

L’ho amata sin dal primo momento: Katherine Ryan, regista e attrice della mini serie The Duchess che racconta le avventure di una “mamma single alle prese con la carriera, la figlia preadolescente, la relazione con il fidanzato mentre considera la possibilità di concepire con l’ex.”

La serie, fresca fresca di Netflix, è frizzante e lei, Katherine, se ne fotte di tutto e di tutti. Delle formalità, del finto perbenismo, delle convenzioni: una trentenne alle prese con la figlia di 9 anni, in una Londra composta, fatta da schemi già definiti. La prima stagione,  sei episodi della durata di trenta minuti circa, fa sorridere e fa riflettere su tanti piccoli aspetti che a volte diamo per scontato.

Forse una storia autobiografica o forse no, quella dell’attrice canadese protagonista per una serie che pian piano conquisterà tutti.

Alla prossima!

Eleonora Tricarico

Eleonora Tricarico
Autrice della rubrica "Questioni molto serie." Giornalista pubblicista e travel addict - livello PRO. Sulla gamba 'on the road' e sul cuore 'let it be". Il giorno della sua nascita è stato inaugurato il sistema operativo Windows 2.03, un caso? Web dipendente, amante dell'arte in tutte le sue forme ed esperta divoratrice di patatine fritte. Sogni nel cassetto e libri sul comodino, accumula occhiaie, foto di street art e poesie in ogni dove. Collabora con diverse realtà tra cui teatri, festival cinematografici e musicali, progetti editoriali e scrive di social, di viaggi e di.ntorni, in modalità #TricaricOvunque. Un'altalena tra Woody Allen e Federico Fellini, "sotto le stelle del jazz" (&blues) di ogni sera, ecco che una serie illumina la stanza. Non è da tutti laurearsi con Laura Palmer, no?

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *