Quando ho iniziato a gironzolare per il DB d’Essai avevo appena compiuto 3 anni, il buio della sala mi faceva paura ma giocare con i ragazzi dello staff nel foyer era il mio passatempo preferito. I ragazzi del DB staff erano i miei supereroi.
Il DB è la mia tata personale, mi ha visto ridere, piangere, litigare, amare… mi ha visto crescere.

Quando ho, finalmente, potuto sedere dietro il box e fare i miei turni cassa, ho iniziato a capire che tante persone ritrovano nel Cinema tutte le emozioni da me vissute. Il mio lavoro non era fare biglietti, non solo quello. Ho iniziato ad ascoltare storie, vivere le persone e quei legami speciali che avevano con il Cinema. Chi ha incontrato la sua futura moglie, chi un gruppo di amici, chi un luogo familiare, chi ha compreso quale sarebbe stata la sua strada, ha scelto di cambiare la sua vita, ha capito qual era davvero il suo sogno…

Quando ho iniziato a pensare a come la bellissima realtà del DB potesse diventare virtuale, ho immaginato uno spazio aperto a tutti. Ho immaginato MILK. In cui potessero scriverci persone di qualsiasi tipo, amanti di qualsiasi genere. Mi piace pesare il Cinema come un’entità fluida, sempre in un movimento completamente soggettivo.

Ho capito negli anni che il DB non è speciale solo per me, essendoci cresciuta sono sicuramente privilegiata, il DB è speciale per tanti.
Ma come poter tutelare questa realtà e salvarla da un futuro incerto?
Formando il nuovo pubblico.

Sono diventata, pian piano che crescevo e imparavo dai colleghi, la referente dei progetti scuola. Ho stravolto le tecniche di approccio del Cinema con i bambini e i ragazzi, lavorando con tutte le età, dai cuccioli di 3 anni, ai miei amati giurati di 18.
Con loro ho imparato una lezione importante. È bello poter parlare di Cinema con chi ne capisce e chi l’ha studiato ma è altrettanto interessante ascoltare i commenti di chi si avvicina ad esso per la prima volta. Molto spesso sono proprio questi ultimi a farmi domande su alcune scene in particolare, su un movimento di macchina o su un passaggio di battute, domande che mi immobilizzano, facendomi considerare qualcosa a cui non avevo mai pensato prima
– com’è possibile? Conosco questo film come le mie tasche, e non mi sono mai accorta di questo piccolo particolare che può fare la differenza nella lettura filmica. –

Latte Scremato raccoglierà tutte le vostre idee, opinioni, recensioni, i vostri dubbi e i vostri pensieri su qualsiasi tematica legata al cinema. Condividendo ciò che pensiamo e incontrando i pensieri degli altri apriamo la nostra mente, espandiamo i nostri orizzonti e superiamo ogni limite.

SCRIVI CON NOI
Sara Greco
È cresciuta bevendo Cinema come se fosse latte, forse per questo quando la parola MILK le è passata per la testa, si è subito convinta fosse il nome giusto per questo spazio tanto sognato. Il DB d'Essai è da sempre la sua prima casa. Le piace andare in bicicletta, viaggiare in treno e leggere poesie. Ha poche cose ma le ama tutte.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *